Articoli-inglese, Ricette

RAME DI NAPOLI (catanese biscuits)…why not in Christmas time?

Rame di Napoli – Story, Origin of the name and Recipe of typical biscuits of Catania

It may seem superficial perhaps (and it probably is), but the RAME DI NAPOLI are one of the things that made me fall in love with the city of Catania!
It was the month of October, and I was in town for a short vacation, when at the supermarket I saw those beautiful sparkling chocolate domes.
It was love at the first bite … and, if you think that it was biscuits from the supermarket and without fillings, you can only imagine my reaction when I tried those filled with a thousand creams from the various biscuits and bakeries of the city.

I signed a pact of eternal love with these treats.

ORIGIN OF THE NAME

Although the name may make one think of Neapolitan origins, they are typical biscuits from Catania; the hypotheses on the origin of their name concern the possibility of a tribute to the city of Naples under the Kingdom of the two Sicilies or the existence of a pastry chef called Napoli.
The shape derives instead from the copper coin coined by the Bourbons after the annexation of Sicily to the kingdom.

HOLIDAYS

This biscutits called Rame di Napoli (literally: Copper of Neaples) are usually prepared during Halloween time and in general during Autumn, and you will hardly be able to find them after mid-November.
It may be for their spicy taste, for the presence of cloves and cinnamon, for the sweetness of honey or the opulence of chocolate but these cookies have always seemed to me perfect for Christmas holiday time.
It may also be because the preparation time is quite long and therefore they’re perfect to be prepared during the holidays, spent in the kitchen.

RECIPE

So I decided to prepare these treats to eat during the winter afternoons, with a cup of tea or coffee, as an alternative to the usual christmas’ pandoro or panettone.
To prepare them I was inspired by Mysia recipe, with some changes to meet my tastes.

(Link Mysia recipie (ITA): https://www.misya.info/ricetta/rame-di-napoli.htm)

INGREDIENTS:

  • 280gr of flour 00
  • 100gr of sugar
  • 20 gr honey
  • 40 gr bitter cocoa
  • 80 gr of butter
  • 160 ml of milk
  • baking powder
  • 1 teaspoon of cloves
  • 1 teaspoon of cinnamon
  • orange zest

FROSTING:

  • 100 gr jam / nutella
  • 200 gr dark chocolate
  • 70 gr of butter
  • chopped unsalted pistachios and almonds

Mix flour, sugar, cocoa, baking powder and mix adding cold butter, spices, orange zest and milk. With the slightly sticky dough create a spherical shape typical of the Rame di Napoli and cook in oven for 20 minutes at 180 degrees.
While you wait for the cookies to cook, prepare the glaze in a double boiler, melting butter and dark chocolate.
Ready your spiced chocolate biscuits, you can brush them with a cream of your choice: nutella, pistachio cream, jam; I decided to prepare half copper with nutella and half with orange marmalade.
You can now dip the part you covered with cream directly into the chocolate glaze that you have prepared (I am abundant with chocolate at this stage!).
Finish by decorating with chopped almonds and pistachios and let the icing cool for at least two hours.

Here it is, wonderful chocolate domes, full of pleasure and spices! I assure you that the first taste will repay you for all the time spent in the kitchen!

Rame di napoli chocolatey and spicy biscuits can be prepared also in christmas
Rame di Napoli, chocolatey and spicy biscuits…why not during christmas time?

Standard
Articoli-italiano, Ricette, Senza categoria

RAME DI NAPOLI…anche a Natale!

Rame di Napoli – storia, preparazione, ricetta dei biscotti tipici catanesi

Può sembrare superficiale forse (e probabilmente è così), ma le rame di Napoli sono una delle cose che mi ha fatto innamorare della città di Catania!
Era il mese di ottobre, ed ero arrivata in città per una breve vacanza, quando al supermercato vidi quelle bellissime cupolette scintillanti di cioccolato.
Fu amore al primo morso…e pensate che si trattava di rame di Napoli del supermercato e senza farciture! Quando provai quelle fresche e ripiene di mille creme dei vari biscottai e panifici, siglai un patto di eterno amore.

ORIGINE DEL NOME

Nonostante il nome possa far pensare a origini campane, si tratta di biscotti tipici del catanese; le ipotesi sull’origine del nome riguardano la possibilità di un omaggio alla città di Napoli sotto il Regno delle due Sicilie o l’esistenza di un pasticcere chiamato Napoli.
La forma deriverebbe invece dalla moneta in rame coniata dai Borbone a seguito dell’annessione della Sicilia al regno: ecco allora da dove nasce questo biscotto dal curioso nome.

FESTIVITÀ

Le rame di Napoli sono tradizionalmente preparate durante la festività di ognissanti e in generale in autunno e difficilmente potrete reperirle dopo la metà di Novembre.
Sarà per il loro gusto speziato, per la presenza dei chiodi di garofano e della cannella, per la dolcezza del miele o l’opulenza del cioccolato ma questi biscotti a me son sempre sembrati perfetti per il periodo natalizio.
Sarà anche perché il tempo di preparazione è piuttosto lungo e quindi si prestano bene ad essere preparati durante i giorni di festa, passati tra i fornelli.

RICETTA

Ho deciso dunque di preparare questi dolcetti da mangiare durante i pomeriggi d’inverno, accanto ad una tazza di tè o caffè, in alternativa al solito pandoro o panettone
Per realizzarle mi sono ispirata alla ricetta di Misya , con qualche modifica per incontrare i miei gusti.

(Link alla ricetta di Misya: https://www.misya.info/ricetta/rame-di-napoli.htm).

INGREDIENTI:

  • 280 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero
  • 20 gr miele
  • 40 gr cacao amaro
  • 80 gr di burro
  • 160 ml di latte
  • una bustina di ammoniaca per dolci/ lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di chiodi di garofano
  • 1 cucchiaino di cannella
  • scorza di arancia

PER LA COPERTURA:

  • 100 gr marmellata/nutella
  • 200 gr cioccolato fondente
  • 70 gr di burro
  • granella di pistacchi non salati e mandorle

Mischiate farina, zucchero, cacao, ammoniaca per dolci/lievito e mescolate aggiungendo burro freddo, spezie, scorza d’arancia e latte. L’impasto un po’ appiccicoso, vi servirà per creare una forma sferica tipica delle Rame di Napoli e cuocete per 20 min a 180 gradi (durante la cottura il bicarbonato di ammonia sprigionerà il suo odore caratteristico, non andate in panico come me durante la preparanzione!)
Mentre aspettate che i biscotti si cuociano, preparate la glassa a bagnomaria, sciogliendo burro e cioccolato fondente.
Pronti i vostri biscottini al cioccolato speziato, potrete spennellarli della crema che preferite: nutella, crema di pistacchi, marmellata; io ho deciso di preparare metà Rame con la nutella e metà con la marmellata di arance.
Potete ora immergere la parte che avete cosparso di crema, direttamente nella glassa al cioccolato che avrete preparato (io in questa fase abbondo con il cioccolato!).
Terminate decorando con la granella di mandorle e pistacchi e lasciate raffreddare la glassa per due ore almeno.

Avrete davanti agli occhi queste meravigliose cupolette di cioccolato, colme di goduria e spezie! Vi assicuro che il primo assaggio vi ripagherà di tutto il tempo passato in cucina!

Rame di napoli, dolcetti catanesi da preparare non solo in autunno ma anche a natale
Rame di Napoli, così cioccolatose e speziate, perchè non prepararle anche a Natale?
Standard
Articoli-inglese, Senza categoria

The land where winter is warm

When to go to Sicily? Tips to enjoy an autumn at the beach.

When i rented my first house, the landlord told me that the heating costs were included in the rent, so I thought I was a lucky girl.

Later, I noticed the lack of radiators and realized that, in winter, the light sheets I bought wouldn’t be enough to keep me warm.

After spending the winter months in a freezing Prague, where all my good intentions of “living in a sustainable way” were gone, in favour of excessive use of heaters, the lack of a heater in my room seemed to me a tragedy.

What I still didn’t know is that, in the same year, I would have celebrated my birthday in October at the sea.

The climate here is mild, and autumn is sweet as the grapes of the harvests. Autumn, for me, is even more beautiful than sumer, the season of summer and sea.

Here in Catania, in September, all you need is a little determination: when the sky is clear and the sun caress you without the violence of the past months, can be difficult choosing whether to walk in the woods of Etna or swim among the rocks of Acitrezza.

So, I realized that below zero temperatures are not common here and, in December, the average temperature is around 13 degrees.

If I have to reccomend you the best season to visit Sicily, I would certainly say Autumn.

First of all beacause, if you are a libra like me, you can celebrate your birthday by the sea (for someone born far from the coast, is a dream that come true!). For those born in other seasons, you can still appreciate the mild climate and beautiful sunny days without suffering from the heat. In September and October is still possible to bathe, and, for the most daring, even in some warm days in November.

Attention! If you come from cold norhtern lands, don’t be caught umprepared: remember to pack some short-sleeved t-shirt, or you’ll end up like me, looking for some leftovers summer clothes in downtown stores.

Talking about the cold months, even winter here is mild: near the coast, the winter lows are around ten degrees. To find colder wheather you have to go in the inland or go higher. However, if you are a snow lover and think that Sicily is not your cup of tea, you’ll have to change your mind: in the winter months is even possible to ski, in a unique environment in the world: sliding on a fire mountain looking at the sea.

The scorching heat of the summer months gives way to a winter in which you’ll hardly suffer from the cold, but that will allows you to experience the magical atmosphere of Christmas’ time with its craft markets, typical recipes and with a little luck and go higher you could live even a “white christmas”.

Forget the crowdy beach in August and in autumn, migrate south.

Marzamemi in Sicily
Marzamemi

Standard
Articoli-italiano

La terra dove l’inverno è caldo

Quando venire in Sicilia? Consigli per godersi per un autunno in spiaggia.

Entrando nella mia prima casa in affitto, il proprietario di casa mi disse che le spese di riscaldamento erano incluse nel canone e pensai di essere stata molto fortunata.
Solo in seguito mi accorsi della mancanza di termosifoni e capii che da lì a qualche mese il lenzuolino leggero che avevo comprato per il letto, non sarebbe bastato.

Dopo aver passato i mesi invernali in una gelida Praga in cui tutti i buoni propositi del “vivere in maniera sostenibile” erano andati a farsi benedire – a favore di un rassicurante tepore dovuto allo smodato uso dei riscaldamenti – la mancanza di un calorifero nella mia stanza mi parve una tragedia.
Ciò che ancora non sapevo è che quello stesso anno avrei festeggiato il mio compleanno ottobrino con un bagno al mare.

Il clima qui è mite, e l’autunno è dolce come dolce è l’uva delle vendemmie.
L’autunno in Sicilia, è per me ancor più bello dell’estate, la stagione che fa del sole e del mare la sua bandiera.
Qui a Catania nel mese di settembre, serve solo un po’ di risolutezza: scegliere se passeggiare tra i boschi dell’Etna o nuotare tra gli scogli di Acitrezza può essere una decisione non facile quando il cielo è terso e il sole ti accarezza senza più la violenza dei mesi passati.
Mi resi conto quindi che qua le temperature sotto lo zero non sono molto comuni e in dicembre la media delle temperature si aggira attorno ai 13 gradi.

Se dovessi consigliare la stagione migliore in cui venire a visitare la Sicilia, di certo direi l’autunno.
Anzitutto perché, se siete della bilancia come me, potrete festeggiare il compleanno in riva al mare (che per qualcuno nato in una regione senza coste è un sogno che si realizza!).
Per tutti coloro nati in altre stagioni dell’anno, potrete comunque apprezzare il clima mite che vi permetterà di godere di splendide giornate di sole senza soffrire il caldo. Tra settembre e ottobre è possibile farsi ancora il bagno e per i più temerari, anche il mare dei primi giorni di novembre, nelle giornate più calde, può prestarsi a una nuotata.
Attenzione! Se provenite dalle fredde terre del nord non fatevi cogliere impreparati: ricordatevi di mettere in valigia qualche maglietta a maniche corte o finirete come me, alla ricerca di qualche rimasuglio di abiti estivi nei negozi del centro.

Parlando dei mesi più freddi, anche l’inverno qui sull’isola è clemente: le minime invernali sulla costa scendono di poco sotto i dieci gradi e per trovare un po’ più di freddo bisogna salire di quota o addentrarsi nell’entroterra.
Se siete però amanti della neve e pensate che la Sicilia non faccia al caso vostro, dovrete ricredervi; nei mesi invernali è possibile addirittura sciare sull’Etna, in un contesto unico al mondo che vi permette di guardare il mare proprio mentre scivolate da una montagna di fuoco!

Il caldo torrido dei mesi estivi cede dunque il passo a un inverno in cui difficilmente patirete il freddo, ma che vi permetterà comunque di vivere l’atmosfera magica del periodo natalizio tra mercatini artigianali, piatti tradizionali e con un po’ di fortuna e salendo di quota, potreste passare anche “un bianco natale”.

Dimenticate la folla che nella settimana di ferragosto affolla le spiagge e in autunno migrate verso sud.

Borgo di Marzamemi in estate
Borgo di Marzamemi

Standard
Articoli-italiano, Eleonora

Eleonora in Sicily

Ciao! Mi chiamo Eleonora e ho deciso di seguire la mia passione e fare un viaggio controcorrente: emigrare al Sud.


La mia infanzia si è svolta tra la Lombardia e la Valle d’Aosta e all’età di 18 anni mi sono trasferita in Veneto per intraprendere gli studi universitari in economia e gestione dei beni culturali. Ho amato la vita a Venezia, che per quasi cinque anni è stata la mia casa e che mi ha lasciato ricordi ed emozioni indelebili. Ho lavorato per qualche mese a Praga, dove ho incontrato persone magnifiche e goduto delle bellezze di questa capitale così magica…ma nessuna città nel mondo ha saputo distogliermi dal mio unico grande amore: la Sicilia.
I miei genitori si sono sempre prodigati per farmi amare il mio Paese, sin da piccola ho viaggiato con loro in giro per l’Italia scoprendo posti meravigliosi e riempiendomi gli occhi (….e la pancia!) di tutte le meraviglie che questa Nazione regala.


Ricordo le malinconiche e romantiche nebbie di un gennaio tra i canali di Ferrara; il piacere di scaldarsi con un buonissimo Bicerin in un febbraio torinese; le passeggiate di notte tra amici con una birra in mano tra le piazze Bolognesi, in un Marzo che si rivelò incredibilmente caldo; ad Aprile un acquazzone primaverile che fece scappare tutti i turisti da campo dei Miracoli lasciandolo meravigliosamente vuoto e silenzioso; un autobus cigolante che in una sera di Maggio ti accompagna per le strade di Roma passando tra maestosi monumenti; le luminare ad illuminare una calda sera di Giugno ad Agropoli in cui si festeggia il patrono; i virtuosismi dell’Umbria Jazz Festival che riempiono le notti di Luglio; il fumo e le risate provenienti da una griglieria di Santa Maria di Leuca a Ferragosto; il profumo inconfondibile delle bouganville ancora in fiore in un caldissimo settembre calabrese; il bellissimo coccio in cui durante un pranzo ottobrino a Tortoreto vennero serviti quintali di arrosticini; la neve di Novembre che rende il paesaggio sul lago di Como ancora più magico ; il vino caldo dei mercatini di natale di Trento che riesce a scaldare anche il dicembre più freddo…


E quante ancora ce ne sarebbero da ricordare, ma nessuno di questi luoghi meravigliosi ha potuto prendere il posto nel mio cuore che era riservato solo a quell’isola, unica ed inimitabile. Ricordo con quale luce negli occhi i miei genitori mi parlassero degli anni vissuti in Sicilia e desideravo un giorno poter essere lì anche io.
Nell’estate del 2019 presi la decisione: riposi la corona d’alloro e con un trolley e un biglietto di sola andata iniziai la mia nuova vita a Catania.


Da qui inizia la mia storia siciliana e se avrete piacere di seguirmi, vorrei mostrarvi coi miei occhi tutta la bellezza che questa isola ha da offrirvi e far battere anche a voi il cuore come successe a me la prima volta che misi piede in questa magnifica terra.

Guida della sicilia alla mano, biglietti malpensa catania e l'inizio di una nuova avventura
L'inizio di una nuova avventura
Standard
Eleonora

Posto finestrino sul volo per Catania

Ricordo ancora l’emozione del volo per Catania.

Un biglietto solo andata con compagnia low cost, quando ancora il bagaglio da stiva non era un lusso per nababbi (e addirittura era compreso nel prezzo un bagaglio a mano che non avesse le dimensioni di un portacarte).
Mi feci accompagnare all’aeroporto di Milano Malpensa da mia madre, che già prima ancora di scendere dalla macchina mi aveva salutato una decina di volte come se stessi partendo per il fronte.

Sono gli inizi di Luglio ma a Malpensa riesce comunque ad esserci la pioggia.
Un ultimo bacio lanciato alla mia mamma prima di entrare ai controlli e vado alla ricerca del gate da cui imbarcarmi. Supero i neo-maturati che fanno stories in attesa del loro volo diretto ad Amsterdam, i gruppi di amiche che stanno andando a festeggiare gli addii al nubilato ad Ibiza e le coppie con il cappello di paglia coordinato pronte per la loro avventura in qualche paese esotico, quando finalmente mi imbatto nella coda per il volo Milano – Catania. “Cettu Mbare, oggi scinnu! Viri ca ci sunnu macari iu! Ava, ca stasira c’arricriamo !”. Eccomi, sono arrivata.


L’attesa passa tra le ultime chiamate ai parenti per avvisare che si sta per partire e quelle agli amici per organizzare le uscite per la sera stessa, tutto tranquillo, così come l’imbarco. Al momento dell’assegnazione dei posti però accade l’irreparabile: nonna e zia, salite per venire a trovare il nipote a Milano, non sono sedute vicine! Le due signore, prese dal panico iniziano così a raccontare a gran voce ai propri vicini di posto i legami di parentela che le legano nella speranza di convincere i malcapitati a fare cambio di posto. Arrivati al quindicesimo grado di cuginanza nell’albero genealogico, le hostess riescono a far sedere le signore che nel frattempo avevano cambiato almeno una decina di posti.
Nemmeno il tempo di decollare e parte al microfono la vendita di profumi in sconto, modellini di velivoli, snack, bevande e chi più ne ha più ne metta. La signora accanto a me si fa mostrare tutto il catalogo di modellini, per il nipote che “sa, è appassionato di aerei”. La zia e la nonna, che finalmente si possono nuovamente alzare, decidono di giocare ancora un po’ al gioco della sedia, facendo cambiare qualche altro posto ai passeggeri finché nuovamente l’assistente di volo non se ne accorge e le rimanda al posto.

Quasi arrivati a destinazione non può mancare la vendita dei biglietti della lotteria. Due anziane signore decidono che è il loro momento di tentare la sorte e vincere quell’auto. Comprano una ventina di biglietti a testa e tirando fuori le monetine dal borsello, iniziano a grattare tutto ciò che era possibile grattare, richiamando l’hostess ad ogni casellina per domandarle se risultasse vincente “signorina, io non ho ben capito, ma quando c’è scritto questo, vuol dire che ho vinto?…No?…e adesso?….non si secchi signorina, guardi anche questa”.


Prima di capire se le signore sarebbero rientrate a casa con una nuova utilitaria, il pilota annuncia l’atterraggio. Guardo fuori dal finestrino e mi si apre una vista mozzafiato: non una nuvola, solamente il cielo limpido e il sole che illumina l’Etna. Un giro veloce attorno alla montagna, e il panorama si apre su una distesa di acqua azzurra luccicante e l’emozione è incontenibile. Ciao Catania!

Posto finestrino sul volo milano malpensa - catania. una distesa d'acqua e un paesaggio mozzafiato
Una distesa d'acqua, la vista dal mio finestrino

Standard