Articoli-italiano, Cosa fare in Sicilia, Senza categoria, storia

La Festa di Sant’Agata

Origini, storia e tradizioni della festa simbolo di Catania

Raccontare Sant’Agata per qualcuno che non è nato a Catania, non è facile.

Non ho mai indossato il sacco, ho avuto la fortuna di vivere la festa una sola volta, ma dal momento in cui ho conosciuto la città di Catania, Sant’Agata ha avuto un impatto enorme nella mia vita.

Quest’anno, come era prevedibile, a causa della pandemia ancora in atto non sarà possibile celebrare la festa di Sant’Agata come avviene ogni febbraio, da quasi un millennio.

Anche per questo per la popolazione è difficile accettare che quest’anno non si possa celebrare la Santa: è un momento importante per la città, che ogni anno aspetta con trepidazione di poter rivedere finalmente la Santuzza girare per la sua Catania.

Ecco perchè ho deciso, in questi giorni, di celebrare la Santa pubblicando i ricordi di quella che per me è stata la prima festa di Sant’Agata: mi permetterà di rivivere quei momenti che sono stati così intesi e condividerli con voi, nella speranza che nel 2022 potremmo finalmente ritrovarci accanto al fercolo ad urlare “Tutti devoti tutti!”

Ricordo che la prima volta in cui sentii parlare di questa festa, immaginai piazze stracolme di persone, strade del centro ricoperte di cera, canti e preghiere risalenti a tempi lontani; tutte queste immagini presero vita nel febbraio 2020, quando potei viverle per la prima volta.

Credevo che i racconti su questa festività fossero esagerati, ma nel momento in cui mi trovai a tu per tu con la Santa, mi resi conto che quanto mi era stato detto corrispondeva esattamente alla realtà. La festa di Sant’Agata è un momento incredibilmente emozionante e non si può restare impassibili davanti alla commozione dei devoti che urlano, cantano, piangono e salutano finalmente la Santa che da tanto tempo non scendeva in mezzo ai cittadini.

Si è stimato che durante queste giornate, si riversino in città tra cittadini e turisti, almeno un milione di persone, facendo così di Sant’Agata la terza festa religiosa più grande del mondo.

Vita di Sant’Agata e Origini della festa

I Catanesi cominciarono a celebrare Sant’Agata a seguito del suo martirio, avvenuto nel 5 febbraio del 251, ma fu solo dopo il ritorno delle sue spoglie in città ,nel 1126, che si ebbe la prima processione ufficiale (le reliquie vennero donate a Costantinopoli dal Generale Maniace nel 1040 e riportate a Catania il 17 agosto 1126 da Gisilberto e Goselmo. Ancora oggi il 17 agosto si celebra la Santa per ricordare il suo ritorno in patria).

Probabilmente le radici di questo culto sono da rintracciarsi nella venerazione della dea Iside, divinità che nei secoli passati deve aver avuto un ruolo importante per i culti pagani in città.

Sant’Agata è conosciuta anche come la Santuzza o la Santa bambina, proprio per la giovane età in cui subì il martirio.

L’origine della nascita di Agata è sempre stata motivo di discussione: Palermo, Galermo o Catania. In base però all’importante tradizione ed alla documentazione del suo martirio sembra che la possibilità che vede i natali della Santa a Catania sia quella maggiormente attendibile.

Agata era una giovane ragazza di famiglia aristocratica, della quale il proconsole Quinziano si appassionò. Essendo la città sotto dominazione romana, Quinziano ordinò alla ragazza di rinnegare la sua fede cristiana e di rivolgersi agli dei pagani, come si conveniva. Agata fortemente convinta della propria fede, si rifiutò di adorare gli dei e il proconsole la affidò alla cortigiana Afrodisia con l’intento di scalfire quella che era una incrollabile fede. Non avendo effetto nemmeno l’opera di corruzione della cortigiana, Quinziano processò Agata al palazzo pretorio e da lì venne prima incarcerata e poi torturata, in particolare con il supplizio della recisione delle mammelle che connota fortemente tutte le raffigurazioni del martirio. Un altro momento importante, riportato in molte raffigurazioni, è quello che vede la Santa soccorsa da San Pietro che curò le sue ferite mentre si trovava nel carcere. I supplizi di Agata terminarono con la tortura dei carboni ardenti. Agata morì il 5 febbraio 251 ma fu in questa occasione che la terra tremò facendo fuggire i soldati romani e che il sacro velo rosso non bruciò. È proprio questo il velo che secondo la leggenda è in grado di proteggere la città di Catania dalla lava dell’Etna.

I luoghi dove ebbe luogo il martirio di Sant’Agata sono oggi venerati e vi sorgono chiese ed edifici monumentali come S. Agata la Vetere, S. Agata al Carcere, S. Agata alla Fornace, Cattedrale di S. Agata.

È proprio nella cattedrale che oggi sono custodite le reliquie della Santa ed è da qui che inizia e termina la festa di Agata.
Nel 1376 venne realizzato il busto reliquiario che ospita la testa ed il torace della Santa, mentre i reliquiari anatomici contenenti gli arti ed una delle mammelle, sono custoditi all’interno di uno scrigno d’argento risalente al 1576. Il fercolo, che viene trainato dai cittadini tramite due cordoni (lunghi oltre 100 metri) venne costruito nel 1518.

I devoti indossano un abito bianco, chiamato “Sacco”, con guanti bianchi, papalina nera (scurzitta), un fazzoletto di esultanza, un cordone in vita e talvolta delle coccarde raffiguranti il volto della Santa. L’origine di questo abito tradizionale viene fatta risalire alla notte del rientro delle reliquie in città per cui i cittadini, svegliati nel sonno, sarebbero andati ad accogliere la Santa con gli abiti da notte.

Trovai molto curioso vedere un paio di signore con il sacco verde e mi è stato raccontato che originariamente le donne non indossavano il sacco, solo successivamente iniziarono ad indossarlo di questo colore che doveva essere quello della tunica di Agata e solo in tempi recenti anche le donne hanno iniziato ad indossare il sacco bianco.

Le candelore sono un altro elemento fondamentale per le celebrazioni. Sono tredici immensi cerei, con un peso che arriva fin quasi a una tonnellata, che rappresentano le corporazioni e i mestieri della città. Le candelore vengono portate a spalla da molti uomini e accompagnano tutta la festa con le loro luci e le loro decorazioni, “annacandosi” e danzando a ritmo di musica per omaggiare la Santa.

Le celebrazioni: 3 – 4 – 5 febbraio

Arriviamo però finalmente a parlare dei giorni di festa.

3 Febbraio

La festa di Sant’Agata si apre ufficialmente il 3 febbraio. I momenti salienti sono:

L’offerta della cera e la sfilata della carrozza del senato: la processione con le alte cariche della città parte dalla chiesa di S. Agata alla Fornace, che si trova alle spalle dell’anfiteatro in piazza Stesicoro, e raggiunge la cattedrale di S. Agata. In questa occasione sfilano anche le candelore;

I Fuochi della sera del 3: la sera del tre febbraio termina con un meraviglioso spettacolo pirotecnico in Piazza Duomo. Un incredibile momento in cui il cielo di Catania si riempie di colori che danzano a tempo di musica seguendo l’orchestra.

4 Febbraio

Le celebrazioni hanno ufficialmente inizio il 4 febbraio con:

La messa dell’aurora: le celebrazioni iniziano molto presto, attorno alle 5 del mattino ed è il momento in cui finalmente verrà aperto il sacello di Sant’Agata e la Santa può uscire dai cancelli che la proteggono durante il resto dell’anno, per essere riabbracciata finalmente dai suoi cittadini, che in un momento di forte commozione la salutano e si preparano a portarla in processione;

Il giro esterno della città: nel corso della prima giornata la Santa viene portata in processione in quello che viene chiamato “il giro esterno”. Il percorso segue l’antico perimetro della città, cominciando con l’uscita da Porta Uzeda, alla sinistra della cattedrale e dirigendosi verso gli archi della marina. Durante tutta la processione moltissimi fedeli offrono ceri alla Santa, costringendo la processione a fermarsi puntualmente per le operazioni di “scarico della cera”, evitando che il fercolo si appesantisca e facendo sì che sia possibile per tutti offrire un omaggio alla Santa. Uno dei momenti di maggiore suggestione di questa prima giornata è la ‘cchianata dei cappuccini; all’altezza di Piazza Stesicoro, l’Arcivescovo si rivolge ai cittadini e i devoti trasportano la Santa fino a Sant’ Agata la Vetere percorrendo la salita di corsa. È un momento importante in cui i devoti devono prestare molta attenzione perché per via della calca e della stanchezza può accadere che qualcuno rischi di farsi male e pertanto è importante che tutti i devoti attaccati al cordone, siano concentrati e si spalleggino in questo momento. È stato bello per me, vedere come ragazzi che non si erano mai conosciuti, ma accomunati dalla fede per Agata, si incoraggiassero a correre su per quella salita, guardando uno le spalle dell’altro, in un momento di forte fratellanza e unione. La processione procede verso il fortino, dove ha luogo uno spettacolo pirotecnico notturno e infine la Santa verrà riportata in cattedrale alle prime luci dell’alba.  

5 Febbraio

Il culmine delle celebrazioni è il 5 febbraio, giorno in cui terminano i festeggiamenti, con:

La messa del pontificale ed esposizione del busto: la mattina del 5 febbraio, all’interno della Cattedrale, viene celebrata una messa solenne e la Santa rimane esposta in chiesa durante tutta la giornata per ricevere i suoi cittadini e in attesa di essere portata in processione;

Il giro interno: la processione inizia attorno alle 18 e non terminerà prima del mattino del giorno successivo. Durante la nottata, la Santa seguirà il percorso tra via Etnea ed il quartiere Borgo. È una notte ricca di fascino, in particolare per l’accensione dei ceri. Via Etnea verrà cosparsa di segatura e terra per rendere meno pericoloso il passaggio e per evitare che la strada si riempia di cera: i devoti porteranno a spalla enormi ceri in segno di devozione alla Santa. I canti, le preghiere e le urla dei devoti, raccolti nei luoghi di culto sono strazianti e trasmettono tutta la passione e la devozione verso questa festività. Il culmine della processione è alle prime luci dell’alba, in piazza Cavour per i “fuochi del borgo”, lo spettacolo pirotecnico che vede il fercolo girarsi per tornare verso la Cattedrale. Ultima importante tappa per la Santa sarà alla Chiesa di San Benedetto ai Crociferi; i devoti con un ultimo grande sforzo intraprenderanno la cchianata di San Giuliano e porteranno il fercolo dalle monache Clarisse, che finalmente dopo un anno di attesa potranno uscire per inneggiare Sant’Agata coi loro canti. È un momento di commozione per tutti perché è l’ultimo grande saluto ad Agata prima del rientro in cattedrale.

La festa di Sant’Agata è stata per me un momento di grande coinvolgimento emotivo, con sensazioni forti che sono perdurate per molto tempo a seguito della festa. Il coinvolgimento è indubbiamente anche fisico, dal momento che resistere svegli per così tante ore, camminando con un passo estremamente lento e con il freddo di febbraio è una grande prova di resistenza. Il rammarico di non poter vivere pienamente la festa quest’anno, lascia però il posto al desiderio di poter l’anno prossimo, partecipare a tutti i suoi emozionanti momenti.

Ebbene sì, lo ammetto, per quanto abbia desiderato vivere ogni secondo della festa, lo scorso anno, durante la messa dell’aurora ero ancora tra le braccia di Morfeo!

Sarà quest’anno l’occasione per tutti, cittadini, devoti e tutti coloro che amano questa città e questa festa, per pensare a come rendere Agata orgogliosa dei suoi cittadini e della sua città, sperando che la festa di Sant’Agata possa essere sempre un momento di unione e devozione e che tutte le ombre che possono esserci state in passato, vengano spazzate via dalla luce e da un desiderio di rinascita.

Sant Agata festa Catania
Giovani devoti assistono ai fuochi del borgo

Link utili e riferimenti:

https://www.comune.catania.it/la-citta/santagata/la-devozione/le-reliquie.aspx

https://www.identitainsorgenti.com/tradizioni-identitarie-festa-santagata-catania-terza-per-importanza-nel-mondo/

https://it.wikipedia.org/wiki/Festa_di_sant%27Agata#A_sira_%E2%80%98%C3%B4_tri

https://it.wikipedia.org/wiki/Sant%27Agata

http://www.festadisantagata.it/storiafestadisantagata.php

https://badiasantagata.wordpress.com/santagata/il-martirio/

https://www.girasicilia.it/luoghi-festa-santagata-catania/

http://www.circolosantagata.it/le-candelore.html

Standard
Articoli-italiano, Cosa fare in Sicilia

Trekking sull’Etna – Valle del Bove

E anche questo assurdo Natale 2020…ce lo siamo levati dalle palle! (parafrasando la famosa battuta di un’opera cinematografica d’essai).

Nonostante i cenoni e i brindisi fossero banditi, io non mi sono privata di nessuna delle delizie gastronomiche del periodo natalizio e tra panettoni, cannelloni, zamponi e tutti gli altri “-oni” che ci volete mettere, mi sono data alla pazza gioia a tavola.

Ora, come ogni anno, mi ritrovo ad avere il fiatone mentre smonto l’albero di natale e penso che forse sarebbe ora di alzarsi finalmente da tavola e sollevare qualcosa che non sia solo la forchetta.

Complici le palestre chiuse, il miglior modo per riprendere a fare un po’ di attività cardio, è decisamente una bella camminata.  Quando decido che è ora di fare un po’ di movimento ed immergermi nella natura, una giornata di trekking sull’Etna è la soluzione.

PERCORSO VALLE DEL BOVE

Se siete dei “camminatori della Domenica” come me, un percorso non troppo faticoso ma di grandissima soddisfazione è quello che porta alla Valle del bove, sul versante est della montagna.

Lasciando l’auto non molto distante dal Rifugio Sapienza, abbiamo percorso il sentiero chiamato Schiena dell’Asino (un nome particolare che ho scoperto essere ispirato all’andatura del sentiero, che sale e scende e richiama perciò la forma del dorso asinino). La camminata non è eccessivamente pesante, le salite non sono ripide ed è e di breve durata, ma la vista che vi aspetta al termine di questo percorso è veramente inaspettata!

Durante la camminata, immersa tra gli alberi, si possono vedere i crateri silvestri che abbiamo lasciato in partenza (nei pressi del rifugio, a 1900 mt slm) e godrete anche della vista di un cratere sommitale che sbuffa.

Arrivati al limitare della scarpata il panorama che si apre è incredibile: una colata di lava infinita, una distesa nera come la notte che si affaccia sul mare; in questa depressione si raccoglie il magma che scaturisce dalle eruzioni: ecco la Valle del Bove.

In cima c’è tanto vento ma la vista ripaga di qualsiasi fatica! Siamo rimasti per un po’ di tempo qui ad osservare questa vallata mozzafiato. Abituati a vivere la nostra quotidianità davanti alla luce blu di uno schermo, rimaniamo smarriti di fronte all’immensità di questo panorama. “La Montagna” è sempre capace di stupirmi e trovarsi di fronte a questo deserto di lava è un’emozione strana: la sua immensa bellezza mi portano ad ammirarla con timore reverenziale.

Vi assicuro che anche nei giorni successivi la vostra passeggiata, sarà difficile togliersi dalla mente un paesaggio così eccezionale. Un ottimo modo per sgranchirvi le gambe, smaltire qualche cenone e scoprire le meraviglie di questa terra così unica!

Trekking sull'Etna in Sicila, vista dalla valle del bove sul mare. distesa di lava
Valle del Bove – Versante est Etna
Standard
Articoli-inglese, Ricette

RAME DI NAPOLI (catanese biscuits)…why not in Christmas time?

Rame di Napoli – Story, Origin of the name and Recipe of typical biscuits of Catania

It may seem superficial perhaps (and it probably is), but the RAME DI NAPOLI are one of the things that made me fall in love with the city of Catania!
It was the month of October, and I was in town for a short vacation, when at the supermarket I saw those beautiful sparkling chocolate domes.
It was love at the first bite … and, if you think that it was biscuits from the supermarket and without fillings, you can only imagine my reaction when I tried those filled with a thousand creams from the various biscuits and bakeries of the city.

I signed a pact of eternal love with these treats.

ORIGIN OF THE NAME

Although the name may make one think of Neapolitan origins, they are typical biscuits from Catania; the hypotheses on the origin of their name concern the possibility of a tribute to the city of Naples under the Kingdom of the two Sicilies or the existence of a pastry chef called Napoli.
The shape derives instead from the copper coin coined by the Bourbons after the annexation of Sicily to the kingdom.

HOLIDAYS

This biscutits called Rame di Napoli (literally: Copper of Neaples) are usually prepared during Halloween time and in general during Autumn, and you will hardly be able to find them after mid-November.
It may be for their spicy taste, for the presence of cloves and cinnamon, for the sweetness of honey or the opulence of chocolate but these cookies have always seemed to me perfect for Christmas holiday time.
It may also be because the preparation time is quite long and therefore they’re perfect to be prepared during the holidays, spent in the kitchen.

RECIPE

So I decided to prepare these treats to eat during the winter afternoons, with a cup of tea or coffee, as an alternative to the usual christmas’ pandoro or panettone.
To prepare them I was inspired by Mysia recipe, with some changes to meet my tastes.

(Link Mysia recipie (ITA): https://www.misya.info/ricetta/rame-di-napoli.htm)

INGREDIENTS:

  • 280gr of flour 00
  • 100gr of sugar
  • 20 gr honey
  • 40 gr bitter cocoa
  • 80 gr of butter
  • 160 ml of milk
  • baking powder
  • 1 teaspoon of cloves
  • 1 teaspoon of cinnamon
  • orange zest

FROSTING:

  • 100 gr jam / nutella
  • 200 gr dark chocolate
  • 70 gr of butter
  • chopped unsalted pistachios and almonds

Mix flour, sugar, cocoa, baking powder and mix adding cold butter, spices, orange zest and milk. With the slightly sticky dough create a spherical shape typical of the Rame di Napoli and cook in oven for 20 minutes at 180 degrees.
While you wait for the cookies to cook, prepare the glaze in a double boiler, melting butter and dark chocolate.
Ready your spiced chocolate biscuits, you can brush them with a cream of your choice: nutella, pistachio cream, jam; I decided to prepare half copper with nutella and half with orange marmalade.
You can now dip the part you covered with cream directly into the chocolate glaze that you have prepared (I am abundant with chocolate at this stage!).
Finish by decorating with chopped almonds and pistachios and let the icing cool for at least two hours.

Here it is, wonderful chocolate domes, full of pleasure and spices! I assure you that the first taste will repay you for all the time spent in the kitchen!

Rame di napoli chocolatey and spicy biscuits can be prepared also in christmas
Rame di Napoli, chocolatey and spicy biscuits…why not during christmas time?

Standard
Articoli-italiano, Ricette, Senza categoria

RAME DI NAPOLI…anche a Natale!

Rame di Napoli – storia, preparazione, ricetta dei biscotti tipici catanesi

Può sembrare superficiale forse (e probabilmente è così), ma le rame di Napoli sono una delle cose che mi ha fatto innamorare della città di Catania!
Era il mese di ottobre, ed ero arrivata in città per una breve vacanza, quando al supermercato vidi quelle bellissime cupolette scintillanti di cioccolato.
Fu amore al primo morso…e pensate che si trattava di rame di Napoli del supermercato e senza farciture! Quando provai quelle fresche e ripiene di mille creme dei vari biscottai e panifici, siglai un patto di eterno amore.

ORIGINE DEL NOME

Nonostante il nome possa far pensare a origini campane, si tratta di biscotti tipici del catanese; le ipotesi sull’origine del nome riguardano la possibilità di un omaggio alla città di Napoli sotto il Regno delle due Sicilie o l’esistenza di un pasticcere chiamato Napoli.
La forma deriverebbe invece dalla moneta in rame coniata dai Borbone a seguito dell’annessione della Sicilia al regno: ecco allora da dove nasce questo biscotto dal curioso nome.

FESTIVITÀ

Le rame di Napoli sono tradizionalmente preparate durante la festività di ognissanti e in generale in autunno e difficilmente potrete reperirle dopo la metà di Novembre.
Sarà per il loro gusto speziato, per la presenza dei chiodi di garofano e della cannella, per la dolcezza del miele o l’opulenza del cioccolato ma questi biscotti a me son sempre sembrati perfetti per il periodo natalizio.
Sarà anche perché il tempo di preparazione è piuttosto lungo e quindi si prestano bene ad essere preparati durante i giorni di festa, passati tra i fornelli.

RICETTA

Ho deciso dunque di preparare questi dolcetti da mangiare durante i pomeriggi d’inverno, accanto ad una tazza di tè o caffè, in alternativa al solito pandoro o panettone
Per realizzarle mi sono ispirata alla ricetta di Misya , con qualche modifica per incontrare i miei gusti.

(Link alla ricetta di Misya: https://www.misya.info/ricetta/rame-di-napoli.htm).

INGREDIENTI:

  • 280 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero
  • 20 gr miele
  • 40 gr cacao amaro
  • 80 gr di burro
  • 160 ml di latte
  • una bustina di ammoniaca per dolci/ lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di chiodi di garofano
  • 1 cucchiaino di cannella
  • scorza di arancia

PER LA COPERTURA:

  • 100 gr marmellata/nutella
  • 200 gr cioccolato fondente
  • 70 gr di burro
  • granella di pistacchi non salati e mandorle

Mischiate farina, zucchero, cacao, ammoniaca per dolci/lievito e mescolate aggiungendo burro freddo, spezie, scorza d’arancia e latte. L’impasto un po’ appiccicoso, vi servirà per creare una forma sferica tipica delle Rame di Napoli e cuocete per 20 min a 180 gradi (durante la cottura il bicarbonato di ammonia sprigionerà il suo odore caratteristico, non andate in panico come me durante la preparanzione!)
Mentre aspettate che i biscotti si cuociano, preparate la glassa a bagnomaria, sciogliendo burro e cioccolato fondente.
Pronti i vostri biscottini al cioccolato speziato, potrete spennellarli della crema che preferite: nutella, crema di pistacchi, marmellata; io ho deciso di preparare metà Rame con la nutella e metà con la marmellata di arance.
Potete ora immergere la parte che avete cosparso di crema, direttamente nella glassa al cioccolato che avrete preparato (io in questa fase abbondo con il cioccolato!).
Terminate decorando con la granella di mandorle e pistacchi e lasciate raffreddare la glassa per due ore almeno.

Avrete davanti agli occhi queste meravigliose cupolette di cioccolato, colme di goduria e spezie! Vi assicuro che il primo assaggio vi ripagherà di tutto il tempo passato in cucina!

Rame di napoli, dolcetti catanesi da preparare non solo in autunno ma anche a natale
Rame di Napoli, così cioccolatose e speziate, perchè non prepararle anche a Natale?
Standard
Eleonora

Posto finestrino sul volo per Catania

Ricordo ancora l’emozione del volo per Catania.

Un biglietto solo andata con compagnia low cost, quando ancora il bagaglio da stiva non era un lusso per nababbi (e addirittura era compreso nel prezzo un bagaglio a mano che non avesse le dimensioni di un portacarte).
Mi feci accompagnare all’aeroporto di Milano Malpensa da mia madre, che già prima ancora di scendere dalla macchina mi aveva salutato una decina di volte come se stessi partendo per il fronte.

Sono gli inizi di Luglio ma a Malpensa riesce comunque ad esserci la pioggia.
Un ultimo bacio lanciato alla mia mamma prima di entrare ai controlli e vado alla ricerca del gate da cui imbarcarmi. Supero i neo-maturati che fanno stories in attesa del loro volo diretto ad Amsterdam, i gruppi di amiche che stanno andando a festeggiare gli addii al nubilato ad Ibiza e le coppie con il cappello di paglia coordinato pronte per la loro avventura in qualche paese esotico, quando finalmente mi imbatto nella coda per il volo Milano – Catania. “Cettu Mbare, oggi scinnu! Viri ca ci sunnu macari iu! Ava, ca stasira c’arricriamo !”. Eccomi, sono arrivata.


L’attesa passa tra le ultime chiamate ai parenti per avvisare che si sta per partire e quelle agli amici per organizzare le uscite per la sera stessa, tutto tranquillo, così come l’imbarco. Al momento dell’assegnazione dei posti però accade l’irreparabile: nonna e zia, salite per venire a trovare il nipote a Milano, non sono sedute vicine! Le due signore, prese dal panico iniziano così a raccontare a gran voce ai propri vicini di posto i legami di parentela che le legano nella speranza di convincere i malcapitati a fare cambio di posto. Arrivati al quindicesimo grado di cuginanza nell’albero genealogico, le hostess riescono a far sedere le signore che nel frattempo avevano cambiato almeno una decina di posti.
Nemmeno il tempo di decollare e parte al microfono la vendita di profumi in sconto, modellini di velivoli, snack, bevande e chi più ne ha più ne metta. La signora accanto a me si fa mostrare tutto il catalogo di modellini, per il nipote che “sa, è appassionato di aerei”. La zia e la nonna, che finalmente si possono nuovamente alzare, decidono di giocare ancora un po’ al gioco della sedia, facendo cambiare qualche altro posto ai passeggeri finché nuovamente l’assistente di volo non se ne accorge e le rimanda al posto.

Quasi arrivati a destinazione non può mancare la vendita dei biglietti della lotteria. Due anziane signore decidono che è il loro momento di tentare la sorte e vincere quell’auto. Comprano una ventina di biglietti a testa e tirando fuori le monetine dal borsello, iniziano a grattare tutto ciò che era possibile grattare, richiamando l’hostess ad ogni casellina per domandarle se risultasse vincente “signorina, io non ho ben capito, ma quando c’è scritto questo, vuol dire che ho vinto?…No?…e adesso?….non si secchi signorina, guardi anche questa”.


Prima di capire se le signore sarebbero rientrate a casa con una nuova utilitaria, il pilota annuncia l’atterraggio. Guardo fuori dal finestrino e mi si apre una vista mozzafiato: non una nuvola, solamente il cielo limpido e il sole che illumina l’Etna. Un giro veloce attorno alla montagna, e il panorama si apre su una distesa di acqua azzurra luccicante e l’emozione è incontenibile. Ciao Catania!

Posto finestrino sul volo milano malpensa - catania. una distesa d'acqua e un paesaggio mozzafiato
Una distesa d'acqua, la vista dal mio finestrino

Standard